Archivi Categoria: Notizie

Open Day Tecnico Bulova Baixens Owatrol | 19-20 febbraio

Open Day Bulova Baixens Owatrol

Cover Diffusion insieme a Bulova, Owatrol e Baixens organizza il 19 e il 20 Febbraio 2019 due giornate dedicate, per scoprire insieme le potenzialità dei prodotti di queste aziende e il loro corretto utilizzo.

DOVE:

19 FEBBRAIO → VIA RENIER 39/A – 10141 TORINO
20 FEBBRAIO → VIA SANSOVINO 243/9 – 10151 TORINO

In queste due giornate avrete la possibilità di provare prodotti come:

  • UNICO, lo stucco universale per intero di alta qualità, molto versatile che può essere utilizzato su cartongesso, rasatura di murature per riempimenti e finiture
  • Standard Ultimate, stucco da interno, presentato sotto forma di polvere bianca, indicato per stuccare e lisciare piccoli difetti sopra fondi assorbenti.
  • Owatrol Oil, bloccaruggine e additivo per smalti e e vernici
  • Owatrol Attivatore di ruggine, per creare effetti decorativi su materiali ferrosi
  • ….e molto altro!

Un Coveriano lascia il segno

Magazzino imprese raddoppiata la detrazione

Magazzino imprese, raddoppiata la detrazione

Per gli immobili strumentali, deducibilità IMU dal 20% al 40%

Dal 2019 i beni immobili strumentali all’attività di impresa, tra i quali rientrano anche i capannoni e i magazzini,  godranno di una deducibilità raddoppiata. Si potrà portare in detrazione ai fini Irpef e Ires il 40%. La risposta della Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa: il direttore e il presidente della CNA Territoriale Ancona, Massimiliano Santini e Maurizio Paradisi hanno ricordato che per gli imprenditori “l’Imu è una tassa da sempre giudicata iniqua ed assurda” e ne va dunque prevista l’abolizione sugli immobili strumentali delle imprese.

In un comunicato stampa della CNA datato 3 dicembre 2018, si legge espressamente: “Compiuto un passo importante verso la deducibilità integrale dell’Imu sugli immobili strumentali, un atto di giustizia fiscale. Come il governo aveva promesso alla CNA, un emendamento alla manovra raddoppia l’attuale livello di deducibilità dal 20 al 40 per cento riconoscendo, sia pure parzialmente, che gli immobili strumentali – capannoni, laboratori, negozi – non costituiscono un bene di lusso ma sono indispensabili all’attività d’impresa e alla creazione di lavoro. Avevamo chiesto al governo atti concreti in favore degli artigiani e delle piccole imprese. Ieri si è cominciato a passare dalle parole ai fatti. Confidiamo che, nell’ancora lungo iter di approvazione della manovra, l’emendamento ne diventi parte integrante. Ora ci attendiamo ulteriore attenzione da parte del governo e del parlamento nei confronti degli artigiani e delle piccole imprese, a cominciare dalla riduzione dei premi Inail e dall’abolizione del Sistri” .

Obiettivo finale quindi resta l’abolizione dell’IMU sui beni strumentali di impresa. La copertura economica richiesta intanto per raddoppiare la deducibilità dal 20 al 40% è di circa 290,3 milioni di euro per l’anno 2020 e 166,9 milioni annui a partire dal 2021.

Fonte: www.investireoggi.it

Un Coveriano lascia il segno

Il futuro è sempre più verde

Il futuro è sempre più verde

Un quarto delle imprese italiane hanno già puntato sulla green economy

Le imprese italiane stanno scommettendo sempre di più sulla sostenibilità e l’ambiente per uscire dalla stretta della crisi, della mancanza di lavoro, del degrado del territorio. Perchè è sempre più chiaro che green vuol dire crescita virtuosa, posti di lavoro ben pagati, innovazione, competitività, migliore qualità della vita.

Lo racconta GreenItaly 2018:  il nono rapporto di Fondazione Symbola e Unioncamere – promosso in collaborazione con il Conai e Novamont,con il patrocinio del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare – che misura e pesa la forza della green economy nazionale (oltre 200 best practices raccontate, grazie anche alla collaborazione di circa trenta esperti). Sono oltre 345.000 le imprese italiane dell’industria e dei servizi con dipendenti che hanno investito nel periodo 2014-2017, o prevedono di farlo entro la fine del 2018 (nell’arco, dunque, di un quinquennio) in prodotti e tecnologie green per ridurre l’impatto ambientale, risparmiare energia e contenere le emissioni di CO2. In pratica un’azienda italiana su quattro, il 24,9% dell’intera imprenditoria extra-agricola. E nel manifatturiero sono quasi una su tre (30,7%).

Le ragioni di questo cambiamento di rotta verso la green economy sono facili da comprendere: le aziende di questa GreenItaly hanno un dinamismo sui mercati esteri nettamente superiore al resto del sistema produttivo italiano. Queste imprese innovano più delle altre, quasi il doppio: il 79% ha sviluppato attività di innovazione, contro il 43% delle non investitrici. Innovazione che guarda anche a Impresa 4.0: mentre tra le imprese investitrici nel green il 26% adotta tecnologie 4.0, tra quelle non investitrici tale quota si ferma all’11%. Sospinto da export e innovazione, anche il fatturato cresce: basti pensare che un aumento del fatturato nel 2017 ha coinvolto il 32% delle imprese che investono green (sempre con riferimento al manifatturiero tra 5 e 499 addetti) contro il 24% nel caso di quelle non investitrici.

In più alla nostra green economy si devono già 2 milioni 998 mila green jobs, ossia occupati che applicano competenze ‘verdi’. Il 13% dell’occupazione complessiva nazionale. Un valore destinato a salire.

Tutto questo comporta inoltre la spinta dell’intero sistema produttivo nazionale e del Paese verso una leadership europea nelle performance ambientali. Leadership che fa il paio coi nostri primati internazionali nella competitività.

Ci aspetta quindi un futuro verde di innovazione e competitività.

E’ per questo che Cover Diffusion distribuisce prodotti certificati in linea con la green building, l’ecosostenibilità ambientale e tutte le nuove normative CEE, che rispettano le norme ecologiche di riciclaggio e di reimpianto per un minore impatto ambientale.

 

Fonte: La Stampa

Un Coveriano lascia il segno

chiusure e orari natalizi cover diffusion

Chiusure ed orari natalizi

Avvisiamo tutti i clienti che nel periodo natalizio osserveremo il seguente orario:

Dal 24/12/2018 al 6/01/2019

lun-ven 7.30/12.30 e 14.00/18.30

sabato 7.30/12.30

CHIUSURE:

8-25-26 DICEMBRE 2018 e 1 GENNAIO 2019

riqualificazione in piemonte nuova legge

Riqualificazione in Piemonte

Nuova legge regionale

la Regione Piemonte ha recentemente approvato la Legge Regionale n. 16 del 04/10/2018 sul riuso e riqualificazione degli edifici esistenti, nonché per la rigenerazione di parti di città.

Le novità

L’obiettivo primario di questo decreto è di innovare l’edilizia con scelte che promuovano il recupero come opzione prioritaria rispetto all’occupazione di suolo libero. Il testo della Legge è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale Regionale n. 41 del 11/10/2018 (consultabile tramite il sito della Regione Piemonte), ma già dal comunicato stampa diramato il 25 settembre scorso emergeva tutta la volontà di semplificare il riuso e limitare la cementificazione.

Nel particolare la Legge si occupa di:

  • eliminare la deroga che era prevista per gli ampliamenti del 20% tramite il cosiddetto “Piano Casa” previsto dalla L.R. 20/2009 trasformandolo in una possibilità stabile non solo per villette uni-bifamiliari, ma anche per edifici più ampi o per complessi organici;
  • favorire il recupero dei sottotetti e dei rustici ai fini abitativi, subordinata all’esistenza dello stesso da almeno 5 anni e non più a date specifiche;
  • introdurre il concetto di “decostruzione”: si auspica la possibilità di demolire porzioni di edifici, restituendoli all’ambiente e ricollocare il 25% della superficie esistente in un’altra area urbanizzata del medesimo comune non più utili, riqualificando così il paesaggio con possibilità, dunque, di incrementare l’indice urbanistico di un’area già urbanizzata.

Tutto questo sembra porre le basi per una buona ripresa economica di tutto il settore delle costruzioni e delle ristrutturazioni in concomitanza con una profonda attenzione alla tutela dell’ambiente, all’efficienza energetica e alla sicurezza.

 

Fonte: www.ediltecnico.it

Un Coveriano lascia il segno

cover diffusion velux restructura 2018

Restructura 2018

Quest’anno Cover Diffusion parteciperà a Restructura 2018 31ma edizione insieme al nostro partner Velux. Ci trovate allo stand  G15

Restructura è l’unica fiera italiana focalizzata su Riqualificazione, Recupero e Ristrutturazione degli spazi del costruito. Oggi più che mai, infatti, è importante riuscire a proporre soluzioni di recupero dell’esistente in grado di garantire il ripristino del patrimonio edilizio secondo logiche economicamente sostenibili, rispettose dell’ambiente e che permettano un maggior risparmio energetico. Restructura intende confermarsi come vetrina privilegiata di confronto su queste tematiche fra i professionisti del settore e fornire al tempo stesso ai clienti canali un ampio ventaglio di opportunità e soluzioni per la ristrutturazione della propria casa.

La fiera si svolgerà dal 15 al 18 novembre 2018 all’Oval di Lingotto Fiere – Torino.

Passa a trovarci!

Puoi ottenere uno sconto sul biglietto scaricando il COUPON SCONTO

 

Un Coveriano lascia il segno

guida ecobonus 2018

Online la Guida Ecobonus 2018

In attesa di ulteriori sviluppi sul fronte detrazioni fiscali, in vista della nuova legge di bilancio 2019, possiamo finalmente accedere alla guida aggiornata per l’ecobonus 2018, basata sull’attuale Legge di Bilancio, disponibile sul sito dell’Agenzia dell’Entrate da qualche giorno.

La guida arriva un po’ in ritardo, ormai a due mesi dalla fine dell’anno, e probabilmente sarà oggetto di aggiornamenti a breve visto che nel Documento inviato nei giorni scorsi alla Commissione UE con la Manovra 2019, sostanzialmente è stato confermato anche per il 2019 l’ecobonus per le ristrutturazioni al 50%, e quello per l’efficienza energetica al 65%. Ne avevamo parlato recentemente in questo articolo.

Nello specifico le novità sul tema della detrazione fiscale del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica sono le seguenti:

  • la proroga della detrazione fiscale al 65% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici sino al 31 dicembre 2018;
  • la riduzione al 50% della percentuale di detrazione per le spese relative all’acquisto e alla posa in opera di finestre comprensive di infissi, delle schermature solari e per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza almeno pari alla classe A.
  • la riduzione sempre al 50%  della percentuale di detrazione per le spese sostenute nel 2018 per l’acquisto e la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili (fino a un valore massimo della detrazione di 30.000 euro);
  • l’esclusione dalle spese agevolabili di quelle sostenute per l’acquisto di caldaie a condensazione con efficienza inferiore alla classe A;
  • l’introduzione per l’anno 2018 di una nuova detrazione (65%, fino a un valore massimo della detrazione di 100.000 euro) per l’acquisto e la posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti;
  • la detrazione del 65% per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, o per le spese sostenute per l’acquisto e la posa in opera di generatori d’aria calda a condensazione;
  • la cd. detrazione maggiorata per gli interventi condominiali realizzati in edifici appartenenti alle zone sismiche 1, 2 o 3 e finalizzati anche alla riduzione del rischio sismico (detrazione dell’80%, se i lavori determinano il passaggio a una classe di rischio inferiore, dell’85%, se il rischio sismico si riduce di almeno 2 classi, con limite massimo di spesa a 136.000 euro moltiplicato per il numero di unità immobiliari che compongono l’edificio);
  • la possibilità di cedere il credito, corrispondente alla detrazione spettante, anche per gli interventi di riqualificazione energetica effettuati sulle singole unità immobiliari e non solo per quelli sulle parti comuni di edifici condominiali.

Per conoscere ulteriori dettagli scarica la Guida aggiornata a ottobre “Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico”.

Fonte: infobuildenergia.it – fiscopiu.it

 

Un Coveriano lascia il segno

 

Proroga Ecobonus fino al 31 dicembre 2019

In questi giorni il Ministero dello Sviluppo economico (Mise) e l’Enea hanno avuto modo di incontrarsi con i rappresentanti di Confartigianato per discutere del futuro delle detrazioni fiscali e dell’ecobonus in seguito alla nuova Legge di Bilancio.

Si sa che le detrazioni fiscali legate alle ristrutturazioni edilizie sono fondamentali per le imprese del settore e per i professionisti visto che il 60% delle commesse proviene da interventi collegati proprio alle detrazioni fiscali.

Grazie anche alla pressione delle imprese e delle associazioni del settore, il risultato dell’incontro è stata la proroga al 31 dicembre 2019 del bonus ristrutturazione del 50% e dell’ecobonus per gli interventi di efficientamento energetico, sia di quelli detraibili al 65% che di quelli per i quali l’anno scorso l’aliquota è stata abbassata dal 65 al 50%. Sono perciò compresi i serramenti la cui sostituzione con infissi performanti contribuisce al raggiungimento di importanti traguardi in termini di risparmio energetico degli edifici, le schermature solari e/o chiusure tecniche mobili oscuranti, sostituzione di impianti di riscaldamento convenzionali con caldaie a condensazione almeno in Classe A e caldaie a biomassa.

Vengono prorogati al 2019 anche il bonus del 50% per mobili ed elettrodomestici di classe energetica elevata finalizzati all’arredo degli immobili oggetto di ristrutturazione e il bonus verde (giardini, terrazzi e balconi, anche condominiali) del 36%.

 

Buone notizie quindi anche se inizialmente si sperava per una proroga biennale.

A breve aggiornamenti su eventuali variazioni delle modalità e requisiti delle agevolazioni.

Fonte: Edilportale.com

 

Un Coveriano lascia il segno

open day tesa professional cover diffusion

Open Day Tesa Professional

Tornano a grande richiesta gli OPEN DAY TESA PROFESSIONAL pressoCover Diffusion, in cui l’esperto Tesa sarà disponibile a far conoscere a voi artigiani professionisti tutte le potenzialità di questi prodotti, sia che si tratti di lavori di costruzione, imballaggio o rinnovo.

L’open day si terrà dalle 09:00 alle 18:00 nelle seguenti sedi di Cover Diffusion:

  • 6 novembre in via Sansovino, 243/9
  • 7 novembre in via Renier, 39/a

Contattaci subito per maggiori informazioni!

 

Un Coveriano lascia il segno

Ripristino orari!

Ripartiamo alla grande Coveriani!!! Ormai siamo già a settembre quindi riprendiamo a pieno regime con il ripristino degli orari in entrambi gli showroom:

RENIER

Lun – Ven: dalle 7:00 alle 19:00

Sab: dalle 7:00/12,30 e dalle 14:00 alle 18:30


SANSOVINO

Lun – Ven: dalle 7:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 19:00

Sab: dalle 7:00 alle 12:30

Vi aspettiamo!

Un Coveriano lascia il segno

Iscriviti alla Newsletter